Pagine Menu di navigazione

Agenzia di promozione artistica e distribuzione

EVA MEI in LES SOIREES MUSICALES

EVA MEI in LES SOIREES MUSICALES

 

Un progetto integrale ispirato alle bellissime Soirées musicales di Rossini eseguite dai Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino ed Eva Mei. “È difficile scrivere la storia di un uomo ancora vivo… Lo invidio più di chiunque abbia vinto il primo premio in denaro alla lotteria della natura… A differenza di quello, egli ha vinto un nome imperituro, il genio e, soprattutto, la felicità (Stendhal, prefazione della Vita di Rossini).

 

L’addio al teatro di G.Rossini rimane uno dei più grandi misteri della storia della musica. Dopo il Guglielmo Tell, rappresentato per la prima volta a Parigi nel 1829, inizia per Rossini l’epoca del silenzio. Esilio dorato impreziosito da agiatezze, motti di spirito arguti e buona cucina italiana. Questa almeno la versione “ufficiale” che in passato ha prevalso e che pare riflessa anche in queste pagine, testimonianze delle serate che una volta a settimana animavano il salotto della sua abitazione parigina. Basate su testi dei più raffinati poeti italiani della passata (Metastasio) epoca e della presente (il conte Pepoli, amico di Leopardi e gran patriota esule a Parigi), non sfuggirono all’attenzione di Liszt che si affrettò a ricavarne parafrasi pianistiche, di Berlioz, e persino di Wagner, che trascrisse per orchestra il duetto dei marinari, forse presago delle future tempeste del vascello fantasma e della canzone del marinaio che apre il Tristano. Gemme squisite di arguzia, eleganza e fascino, ma anche di ironie e sarcasmi dietro ai quali si intravvede l’altro Rossini, che nasconde col vetriolo dello sberleffo verso quel che faceva la musica senza di lui, il tormento di non potere, di non volere più scrivere in un mondo che gli si faceva sempre più incomprensibile e alieno.

 

ARTISTI

Eva Mei, soprano

Domenico Pierini, direttore

I Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino (14 elementi)

 

PROGRAMMA 

G. Rossini
Les soirées musicales

La promessa
Il rimprovero
La partenza
L’orgia
L’invito
La pastorella delle Alpi
La gita
La danza
La regata veneziana
La pesca
La serenata
Li marinari

 

durata: 1h e 45 senza intervallo

 

distribuzione esclusiva a cura di AidaStudio

 

EVA MEI, soprano

Toscana, figlia e nipote di cantanti, con i quali si è formata musicalmente, debutta a soli 22 anni alla Wiener Staatsoper come Konstanze in DIE ENTFÜHRUNG AUS DEM SERAIL, ruolo con cui aveva appena vinto il Concorso Mozart (1990). È l’inizio di una brillante carriera che la vede protagonista per oltre due decenni nei maggiori teatri europei e mondiali. Raffinata esecutrice del Belcanto italiano come Bellini, Rossini, Donizetti e Verdi, non ha mai abbandonato il repertorio di Mozart, interpretando tutte le sue opere nei ruoli principali. Ha collaborato con numerosi e importanti direttori d´orchestra fra i quali ricordiamo: Nikolaus Harnoncourt, Wolfgang Sawallisch, Claudio Abbado, Zubin Mehta, Riccardo Muti, Colin Davis, Daniel Barenboim, Lorin Maazel, Nello Santi, Raphael Frübeck de Burgos, Franz Welser-Möst, William Christie, Daniele Gatti e Fabio Luisi. Alla carriera operistica ha da sempre affiancato la cameristica, esibendosi in recitals e concerti nelle più prestigiose sale del mondo. Dal 2012 al 2014 è stata docente di canto presso il Conservatorio di Torino e tiene Masterclasses in Italia ed in Giappone. Recentemente ha interpretato Donna Anna/DON GIOVANNI al Teatro Regio di Torino, Vitellia/LA CLEMENZA DI TITO e IL RE PASTORE al Teatro Verdi di Trieste, Alice/FALSTAFF e Violetta/LA TRAVIATA con Zubin Mehta a Tel Aviv ed al Maggio Musicale Fiorentino. Si è poi esibita in concerti di Gala come Amina/LA SONNAMBULA al teatro di Würzburg e in concerti sinfonici con la Orchestre National de Paris sotto la direzione di Daniele Gatti e nella PETITE MESSE SOLENNELLE al Festival di Salisburgo con Antonio Pappano. Nel ruolo di Alice/FALSTAFF si è esibita al Festival di Lucerna con i Bamberger Symphoniker sotto la direzione di Jonathan Nott, al Teatro Verdi di Trieste di Trieste, FALSTAFF al Teatro alla Scala con la direzione di Daniele Gatti e al Teatro San Carlo di Napoli. È stata poi Contessa/LE NOZZE DI FIGARO al Teatro Regio di Parma e al Teatro Valli di Reggio Emilia, Adalgisa/NORMA all´Opera di Montecarlo, Donna Anna/DON GIOVANNI al Festival di La Palma e concerti della IX Sinfonia di Beethoven con il Maestro Chung e la Filarmonica della Scala a Seoul e Shangai. I suoi impegni attuali e futuri includono: il debutto come Leonora/ROSMONDA D`INGHILTERRA al Festival Donizetti di Bergamo ed al Maggio Musicale Fiorentino, Contessa/LE NOZZE DI FIGARO al Festival di Cartagena, Rosalinde/DIE FLEDERMAUS in una nuova produzione del Teatro alla Scala, concerti sinfonici e Gala a Tokyo, Lugano e Budapest.

 

DOMENICO PIERINI, Direttore Musicale Cameristi del Maggio, Orchestra da Camera del Maggio Musicale Fiorentino

Nasce a Livorno nel 1967. Nel 1988 Zubin Mehta lo invita nell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino e l’anno successivo lo sceglie come Primo Violino di Spalla. Venti anni di carriera trascorsi come Primo Violino di Spalla nei maggiori teatri italiani lo portano a collaborare con i nomi più prestigiosi della scena musicale contemporanea, Zubin Mehta, Carlo Maria Giulini, Giuseppe Sinopoli, Carlos Kleiber, Herbert von Karajan, Leonard Bernstein Claudio Abbado, Georges Prêtre, Seiji Ozawa, Riccardo Muti, Lorin Maazel, Semyon Bychkov, Myung-Whung Chung, che lo spingono a dedicarsi anche alla direzione d’orchestra. Giuseppe Sinopoli lo introduce alla conoscenza delle più importanti partiture, in seguito sono le indicazioni tecniche e musicali di Zubin Mehta a completarne la formazione. Nel quadro del rapporto di amicizia e collaborazione che lo lega al proprio Teatro, nel 2008 fonda I Cameristi del Maggio – Orchestra da Camera del Maggio Musicale Fiorentino, di cui è Direttore Musicale. Dal 2009 ad oggi ha diretto I Cameristi collaborando con solisti del calibro di Mario Brunello, Andrea Lucchesini, Boris Berezovsky in prestigiosi contesti italiani e internazionali fra i quali Teatro dell’Opera Firenze, Teatro della Pergola di Firenze, Teatro Verdi di Firenze, Auditorium Giovanni Agnelli di Torino, Auditorium della Conciliazione di Roma, National Grand Theater di Pechino. Con i Cameristi del Maggio è stato ospite del Festival Internazionale “Pietrasanta in Concerto” e del Festival “Assisi nel Mondo” in prima assoluta e con ripresa di Sky Classica. Con I Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino ha inoltre inciso per la rivista Amadeus un CD monografico su P.I. Tchaikovski. Ha diretto orchestre prestigiose in numerosi contesti in Italia e all’estero. In occasione dell’Expo 2010 presso il Grand Theatre di Shangai dirige l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino in qualità di rappresentante e ambasciatore ufficiale della cultura italiana e fiorentina. Ha diretto Orchestra e Coro del Maggio Musicale Fiorentino in un concerto a Firenze a favore della storica Biblioteca Nazionale (2010), l’Orchestra Giovanile Zinaida Gilels nell’ambito del “Festival Assisi nel Mondo” sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dei Beni Culturali, del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati (aprile 2011). Ha diretto il Flauto Magico di Mozart al “Festival di Santa Fiora” con la partecipazione del musicattore Luigi Maio, Cavalleria Rusticana presso il Teatro della Pergola di Firenze con i complessi artistici del Maggio Musicale Fiorentino riscuotendo ampi consensi di pubblico e di critica (2007), l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna e l’Orchestra Sinfonica di Sanremo (2011), i professori dell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino nel tradizionale concerto per il Capodanno Fiorentino al Teatro Verdi di Firenze (2013), l’International Sergiu Celibidache Orchestra nelle sinfonie di Tchaikovsky e Mendelssohn, ospite del “Bellini and Romantic Opera Festival” (2013). Nel Giugno 2015 al Teatro Colón di Buenos Aires ha diretto un concerto dedicato al repertorio lirico sinfonico italiano. Nel 2008 fa parte della giuria dell’International Bellini Music Competition, prestigioso concorso musicale internazionale di Pechino. Dal 2011 al 2012 è General Musik Director dei Wiener Kammersymponie. Nel 2013 è nominato Honorary Guest Musician presso la Shanghai International Youth Orchestra in Cina. È stato docente di violino presso l’Accademia di Alto Perfezionamento del Maggio Musicale Fiorentino e tiene regolarmente corsi e master classes di interpretazione violinistico-musicale e direzione d’orchestra presso l’Orchestra Giovanile Italiana e i Conservatori di Livorno, La Spezia, Rovigo, Trento, Sassari, Parma e a Buenos Aires. Nel 2013 è nominato Honorary Guest Musician presso la Shanghai International Youth Orchestra (China). Ha inciso (2015) per la rivista Amadeus un CD monografico su P.I. Tchaikovski. Nel 2016 è ospite nuovamente al Festival “Omaggio all’Umbria” e al Teatro Petruzzelli di Bari con i Cameristi del Maggio, ha diretto inoltre all’Opera di Tirana. Sempre nel 2016 ha diretto l’Orchestra e il Coro del Maggio Musicale Fiorentino presso il Teatro dell’Opera di Firenze in “Nocturnes” e “La Mer” di Claude Debussy nell’ambito della Stagione dei Concerti presso il Teatro dell’Opera di Firenze. Nell’ottobre 2017 ha riscosso altro pieno successo per la direzione di “Salomè” opera in un Atto unico composta da Padre Giuseppe Magrino in prima esecuzione assoluta in forma semiscenica nella Basilica di San Francesco ad Assisi con i Cameristi del Maggio e la regia di Dario Argento presso il Festival “Assisi nel Mondo Omaggio all’Umbria”. Con i Camersiti del Maggio sarà nuovamente al Festival del Maggio Musicale Fiorentino 2018 con musiche di Shostakovich. Ha tenuto due importanti seminari di “Prove di sala” e interpretazione sul Verismo e suRichard Wagner presso il Conservatorio Arrigo Boito di Parma. E’ Direttore Artistico dell’iniziativa No Profit “Musica e Teatro per la Vita” a favore della Fop (Fibrodisplasia ossificante progressiva), in questo ambito ha coinvolto tra gli altri, il Quartetto d’archi del Teatro alla Scala di Milano, I Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino, gli Ottoni del Maggio Musicale Fiorentino, la Klezmerata Fiorentina, il pianista Giuseppe Albanese, gli attori Carlo e Francesco Giuffré.

 

I CAMERISTI DEL MAGGIO MUSICALE FIORENTINO

I Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino, fondati da Domenico Pierini, sono un’orchestra da camera che annovera tra le proprie fila musicisti giunti all’apice della maturità strumentale grazie all’esperienza maturata negli anni all’interno del prestigioso Teatro fiorentino sotto la guida, oltre che dello stesso Zubin Mehta, direttore principale del Teatro, dei più grandi direttori di tutti i tempi tra i quali Chung, Carlo Maria Giulini, Giuseppe Sinopoli, Carlos Kleiber, Herbert von Karajan, Leonard Bernstein Claudio Abbado, Georges Prêtre, Seiji Ozawa, Riccardo Muti, Lorin Maazel, Semyon Bychkov, Myung-Whung. Si propongono come interpreti sensibili nell’adeguare la timbrica e il fraseggio alle esigenze espressive di un repertorio che spazia dalla grande musica strumentale italiana del ‘700, al romanticismo europeo, alle varie correnti artistiche del ‘900 e contemporanee, unendo la tipica lucentezza del suono italiano ad una rigorosa cura e disciplina.
I Cameristi hanno per loro natura un organico duttile e variabile in base ai contesti e ai repertori affidando parti solistiche di grande virtuosismo ai solisti del gruppo, tutte prime parti dell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino. I Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino hanno il privilegio di portare nel mondo il nome del Teatro fiorentino: sono regolarmente ospiti di Festival di rilievo internazionale, si esibiscono in sale prestigiose e vantano collaborazioni con solisti di primissimo piano del panorama internazionale tra i quali Placido Domingo, Andrea Bocelli, Salvatore Accardo, Pinchas Zukerman, Wolfram Christ, Mario Brunello, Christoph Hartmann, Andrea Lucchesini, Renato Zero, Elisa, Gianna Nannini, 2 CELLOS, Vadim Repin, Boris Berezovsky, Daniele Callegari, Michael Guttman, Nestor Marconi, Anneleen Lenaerts, Toby Hoffman, Sergio Tiempo e Karin Lechner.