Pagine Menu di navigazione

Agenzia di promozione artistica e distribuzione

ANGELA FINOCCHIARO e ANTONIO BALLISTA in ALICE RICORDA

ANGELA FINOCCHIARO e ANTONIO BALLISTA in ALICE RICORDA

Una voce e un pianoforte dialogano, si cercano e si stuzzicano, si inseguono e si provocano, strabiliandosi a vicenda; rimbalza dall’uno all’altro la storia di un classico fra i più travolgenti e lunatici della storia della letteratura: “Alice nel paese delle meraviglie”.

 

Melologo per voce recitante e pianoforte
liberamente ispirato ad Alice nel paese delle Meraviglie di Lewis Carroll

PRESENTAZIONE

Reincarnata in perfetta empatia nella sua avatar Angela Finocchiaro, dagli occhi azzurri angelicamente sgranati, la voce di una bambina bionda caduta in un pozzo e finita fuori dal tempo ci racconta di conigli ritardatari, pasticcini magnificatori, pozioni microscopizzanti, cappellai matti, tartarughe d’Egitto, carte da gioco animate, regine sanguinarie e altre mille cose mai viste e altre mille robe da chiodi. Dal pianoforte, elettrizzato dal tocco perfidamente fanciullesco di Antonio Ballista, si sprigiona il misterioso humour del reverendo Charles Dodgson, alias Lewis Carroll, fatto di crudeltà e buone maniere e logica e paradossi, sempre pronto a nuovi spericolati giochi di parole. Su musica originale del compositore Alessandro Lucchetti, in una nuova traduzione di Davide Tortorella, questo spettacolo inietta una robusta dose di comicità e di assurdo nel genere del melologo, nato nel Settecento e reso illustre da grandi nomi come Liszt, Richard Strauss e Stravinskij. Insomma, un esperimento forse mai tentato di “rap” pianistico, di “hip-hop” da camera, pieno di citazioni alte e basse da ripescare come in una caccia al tesoro del nonsense. (Davide Tortorella)

 

ARTISTI

Angela Finocchiaro, voce recitante

Antonio Ballista, pianoforte

 

PROGRAMMA

Composizione musiche originali: Alessandro Lucchetti
Drammaturgia: Davide Tortorella

durata: 1 e 20 h circa senza intervallo

 

distribuzione esclusiva a cura di AidaStudio
progetto in collaborazione con AGIDI

 

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE
fu scritto da Lewis Carroll nel 1865. Ha ispirato un gran numero di film, opere teatrali, cartoni animati. Nato come libro per bambini, ma letto e riletto anche dagli adulti, “Alice nel Paese delle Meraviglie” è un romanzo geniale: una storia fantastica e sottilmente satirica, in cui il magistrale intrecciarsi di invenzioni linguistiche, ribaltamenti di senso, trucchi logici e situazioni assurde stimola a guardare la realtà da punti di vista inusuali. Con questo progetto sogneremo con Alice e attraverso i suoi occhi, incontreremo il Coniglio Bianco, il Bruco, la Lepre Marzolina, il Cappellaio Matto, il sonnolento Ghiro, il Gatto del Cheshire e la Regina di Cuori. Seguendo Alice nelle sue paradossali avventure in questo mondo onirico sotterraneo, metafora dell’assurdità della vita adulta, sentiremo certamente stuzzicare la nostra curiosità e la sfida del ragionamento logico, ma arriveremo infine alla conclusione liberatoria che non per forza bisogna cercare sempre un significato, soprattutto se un significato non c’è. 

 

ANGELA FINOCCHIARO, attrice

Angela Finocchiaro è una delle attrici italiane più premiate dalla critica e amate dal pubblico. 

Al cinema ha vinto per due volte il Premio David di Donatello come miglior attrice non protagonista (nel 2006 con La bestia nel cuore di Cristina Comencini, anche Nastro d’argento, Ciak d’oro, Premio Wella Cinema Donna alla 62^ Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia e premio Queen of Comedy Award; nel 2007 con Mio fratello è figlio unico di Daniele Luchetti; ). Tra le sue più recenti partecipazioni ricordiamo nel 2010 Io loro e Lara (di Carlo Verdone), Benvenuti al Sud (di Luca Miniero) e La Banda dei babbi Natale (con Aldo Giovani e Giacomo); nel 2011 con Bar Sport (di Massimo Martelli) e Lezioni di Cioccolato 2 (di Alessio Maria Federici); nel 2012 con Benvenuti al Nord (di Luca Miniero) e Il sole dentro (di Paolo Bianchini).  Nel 2013 è nelle sale con Ci vuole un gran fisico (di Sophie Chiarello) – nel quale Angela Finocchiaro è per la prima volta protagonista assoluta sul grande schermo – e con Indovina chi viene a Natale? (di Fausto Brizzi). Nel 2014 è fra i protagonisti di Un boss in salotto e La scuola più bella del mondo (per entrambi per la regia di Luca Miniero). 

Il pubblico televisivo che l’ha conosciuta con La tv delle ragazze, l’ha apprezzata nei film tv Dio vede e provvede, Due mamme di troppo (due volte migliore attrice per la categoria Tv Movie al Roma Fiction Festival) e in Zelig. 

Dopo il successo di Miss Universo (finalista al Premio ETI), e le lunghe tournèe con Benneide 2 e Mai più soli, dal 2011 (stagioni 2011-12; 2012-13; 2014; 2015) è in tournée con Open day (di Walter Fontana, già autore di Miss Universo). Nell’autunno 2013 debutta con lo spettacolo  La scena, scritto e diretto da Cristina Comencini, con Maria Amelia Monti e Stefano Annoni (stagioni 2013-14; 2014-15).

Nel stagione 2015 Angela debutta con la commedia Calendar Girls, il primo allestimento italiano del testo teatrale scritto da Tim Firth, tratto dell’omonimo film diretto da Nigel Cole, un vero cult per il pubblico femminile. 

Per la stagione 2017-2018 Angela sale sul palco insieme a Stefano Benni per la lettura di un testo scritto da lui per l’occasione dal titolo Bestia che sei.

 

ANTONIO BALLISTA, pianista, clavicembalista e direttore d’orchestra

Antonio Ballista è pianista, clavicembalista e direttore d’orchestra; fin dall’inizio della carriera non ha posto restrizioni alla sua curiosità e si è dedicato all’approfondimento delle espressioni musicali più diverse. Da sempre convinto che il valore estetico sia indipendente dalla destinazione pratica e che le distinzioni di genere non debbano di per sé considerarsi discriminanti, ha effettuato personalissime escursioni nel campo del ragtime, della canzone italiana e americana, del rock e della musica da film, agendo spesso in una dimensione parallela  tra la musica cosiddetta di consumo e quella di estrazione colta. Particolarissimi per invenzione originalità e rigore i suoi programmi, che sconfinano talvolta nel teatro ed ampliano spesso gli ambiti rituali del concerto. Dal 1953 suona in duo pianistico con Bruno Canino, una formazione d’ininterrotta attività la cui presenza è stata fondamentale per la diffusione della nuova musica e per la funzione catalizzatrice sui compositori. Ha suonato sotto la direzione di Abbado, Bertini, Boulez, Brüggen, Chailly, Maderna e Muti e con l’Orchestra della BBC, il Concertgebouw, La Filarmonica d’Israele, la Scala di Milano, i WienerPhilarmoniker, la London Symphony, l’Orchestre de Paris, le Orchestre di Philadelfia e Cleveland e la New York Philarmonic, Ed a collaborato come direttore e solista con l’ Ensemble Berlin (i solisti dei Berliner Philharmoniker) e i Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino. E’ stato spesso invitato in prestigiosi festival tra cui Parigi, Edimburgo, Varsavia, Berlino, Strasburgo, Venezia, Maggio Musicale Fiorentino…Hanno scritto per lui Berio, Boccadoro, Bussotti, Castaldi, Castiglioni, Clementi, Corghi, De Pablo, Donatoni, Giuliano, Lucchetti, Morricone, Mosca, Panni, Picco, Sciarrino, Sollima, Togni e Ugoletti. Ha effettuato tournées con Berio, Dallapiccola e Stockhausen ed ha collaborato con Boulez, Cage e Ligeti in concerti monografici.  Ha diretto le  Sinfonie per 21 pianoforti di Daniele Lombardi e nel 2003 a New York ( Winter Garden, Ground Zero) la prima assoluta della sua “Threnodia ”dedicata alle vittime dell’ 11 settembre. Come direttore d’opera ha debuttato al teatro dell’Opera di Roma con “Gilgamesch” di Franco Battiato. E’ fondatore e direttore dell’ensemble Novecento e Oltre,formazione stabile che ha esordito nel 1995 in occasione dell’esecuzione integrale dell’opera di Webern tenuta a Palermo per l’EAOSS e gli Amici della Musica, e il cui repertorio va dal Novecento storico fino alle più recenti tendenze. Con Alessandro Lucchetti e Federico Mondelci ha costituito nel 2003 il trio Fata Morgana, che esegue musica “cross-over”.

La sua passione per la letteratura liederistica lo ha portato a collaborare con i cantanti Roberto Abbondanza, Anna Caterina Antonacci, Monica Bacelli, Marco Beasley, Gemma Bertagnolli, Cathy Berberian, PhillysBryn-Julson, Alda Caiello, Luisa Castellani, Laura Cherici, Gloria Davy, Claudio Desderi, Mirko Guadagnini, KimKriswell, Sarah Leonard , Anna Moffo, Alide Maria Salvetta, Susanna Rigacci, Luciana Serra, Lucia Valentini Terrani, Lorna Windsor. Legato in un sodalizio trentennale con Paolo Poli, Antonio Ballista ha lavorato inoltre con gli attori Gianni Agus, Arnoldo Foà, Monica Guerritore, Ottavia Piccolo, Toni Servillo, Franca Valeri, Milena Vukotic e Peter Ustinov e le danzatrici Marga Nativo ed Elisabetta Terabust. Incide per La Bottega Discantica, Emi, Rca, Ricordi, Wergo, Brilliant. Ha insegnato nei Conservatori di Parma e Milano e all’Accademia Pianistica “Incontri col Maestro” di Imola.