FRANCESCO FURLANICH

Nativo di Trieste, città multietnica al confine con la Slovenia, inizia il suo percorso musicale con lo studio della fisarmonica classica all’età di 5 anni.

Si diploma, con il massimo dei voti, nell’Istituto musicale della sua città, vincendo nel frattempo numerosi primi premi a concorsi nazionali ed internazionali (Ancona, Recanati, Muggia, Treviso, Foligno, Stresa, Alassio, Ljubljana (Slovennia) Skopye (Macedonia).

È stato invitato più volte a registrare negli studi della RAI di Trieste e Roma (radio televisione di stato italiana) e negli studi radiofonici di Capodistria (Slovenia), nonchè a collaborazioni importanti con vari teatri d’opera italiana (Opera di Roma, Teatro Massimo di Palermo, Maggio Musicale Fiorentino). Inoltre è stato anche ospite in vari festival internazionali come “Progetto Martha Argerich” a Lugano (Svizzera) e “L’Ete Musical en Bergerac” a Bordeaux (Francia), Oleg Kagan Festival in Kreuth (germania) Mosow internacional music festival (Russia), Verbier Festival (Svizzera) Telavi Music International Festival (Georgia). Ha registrato per varie case discografiche fra cui EMI, BMG, NBB RECORDS, DABLIU RECORDS, COLUMNAMUSICA.

Negli anni della sua formazione accademica, dimostra una vasta e inconsueta versatilità musicale, studiando pianoforte, organo, composizione organistica e ottenendo il diploma di fagotto e fisarmonica. Nel 1997 vince un concorso internazionale di secondo fagotto presso uno dei teatri più prestigiosi d’Italia, Il Maggio Musicale Fiorentino oggi chiamato Opera di Firenze. Matura così un’incredibile esperienza con i piu’grandi direttori al mondo (Z.Mehta, L.Mazel, C.Abbado, CM.Giulini, S.Bickov, G.Petre, W.Sawallish, D.Gatti, F.Luisi, R.Chailly, K.Mazur, R.Muti, J.Conlon, M.W.Chung, S,Osawa, A,Pappano, G.sinopoli, G.Dudamel, J.Valchua, X.Zhong) e con i più grandi solisti solo per accennarne alcuni M.Pollini,. M.Maisky, S.Accardo, U.Ughi, D.Barehinboim M.L.Rostropovich, N.Gutman, F.P.Zimmerman, V.Repin, M.Vengerov, Lang Lang, Y.Wang, e cantanti come P.Domingo, H.Carreras, A.Bocelli.

Indimenticabile l’esperienza del 1998 quando con il suo teatro si reca a Pechino a eseguire la Turandot nella città Proibita sotto la direzione Musicale di Z.Mehta e quella del regista Z.Yimou. In aggiunta è stato fondatore del gruppo musicale Aerensemble (quintetto a fiati) e del gruppo Klezmerata Fiorentina (quartetto da camera di musica ebraica improvvisata) con la quale ha fatto innumerevoli concerti nazionali ed internazionali (Canada, Usa, Germania, Austria, Italia, Slovenia, Ungheria, Svezia, Norvegia, Russia, Georgia, Giappone), incidendocon il gruppo anche 2 cd.

Non soddisfatto dal 2011 inizia a studiare un nuovo strumento, il bandoneon, che gli permette di affacciarsi ad un nuovo genere musicale, il Tango, e di costituire due nuovi gruppi, i Reffrain Quartet ed il il duo A-bandoneando. Con il Reffrain Quartet, di cui è anche compositore ed arrangiatore, egli predilige associare il tango ad altri generi musicali e sulla base di questa iniziativa registra il primo CD. Con il duo Abandoneando, approfondisce la tradizione esecutiva tanghera, mettendola in pratica negli spettacoli di danza con i ballerini, concerti, e serate nelle milonghe, grazie agli incontri con musicisti argentini di fama mondiale fra i quali il maestro Leopoldo Federico (considerato l’icona del tango argentino e l’ultimo dei grandi bandoneonisti della vecchia epoca) e con musicisti rinomati come il cantante uruguaiano Riccardo Oliveira (considerato una delle più belle voci moderne del genere).Infine nel 2015 sente l’esigenza di tradurre tutta la sua esperienza musicale in un nuovo progetto fondando un modern trio, di cui è compositore, che chiama Quartocolore dove va ad esplorare sonorità e vari generi del mondo della fisarmonica.