66/67
Un concertato di Alessio Boni e Omar Pedrini

Distribuzione esclusiva a cura di AidaStudio Produzioni

Un progetto musicale nato dall’unione artistica tra Alessio Boni e Omar Pedrini. Un susseguirsi in scena di musica, visuals, recitato e cantato che coinvolge il pubblico con lo scopo di trasmettere la poeticità dei testi di alcuni brani che dagli anni ’60 ad oggi hanno fatto la storia della musica

Questo è uno spettacolo che nasce da un’amicizia e da una serie di coincidenze. A dividere me e Omar Pedrini è solo un anno (io sono del 1966, lui del 1967, da qui il titolo) Ci siamo scambiati i sogni: io, da piccolo, avrei voluto fare la rockstar, Omar l’attore.
Forse i nostri desideri incompiuti ci hanno dato la spinta per creare questo spettacolo. Cresciuti con gli stessi riferimenti musicali, siamo entrambi convinti che alcune canzoni siano poesie. Poesie spesso perdute, perché i testi sono per la maggior parte in inglese e non tutti li comprendono. Lo scopo di questo Concertato è di raccontare il contesto, spiegare il testo di una canzone, per poi farlo apprezzare a pieno con musica e canto. L’augurio è che capendo di più, si gusti di più.

ARTISTI

Un concertato di Alessio Boni e Omar Pedrini

Stefano Malchiodi, batteria

Mirco Pantano, basso

Carlo Poddighe, tastiere

testi a cura di Alessio Boni e Nina Verdelli