Pagine Menu di navigazione

Agenzia di promozione artistica e distribuzione

Sfida alla tastiera: TeoTronico Vs. Roberto Prosseda

Sfida alla tastiera: TeoTronico Vs. Roberto Prosseda

Concerto-lezione sugli elementi dell’espressione musicale, in forma di sfida a due pianoforti: un pianista Robot, TeoTronico, sfida un pianista umano, Roberto Prosseda. I due pianisti suonano gli stessi brani, e commentano reciprocamente le loro interpretazioni. Il pubblico avrà modo di apprendere, divertendosi, quali sono i principi per ascoltare la musica in modo più consapevole,  scoprendo la varietà di stati d’animo ed emozioni che l’ascolto è in grado di suscitare.

 

PRESENTAZIONE

Sin dalla sua nascita, il pianoforte è stato anche un “campo di battaglia” per virtuosi della tastiera. La storia della musica è costellata di celebri sfide alla tastiera, come quelle tra Mozart e Clementi o tra Thalberg e Liszt. Complice il fascino spettacolare, quasi sportivo, che il competere in pubblico suscita negli spettatori, stimolandone la curiosità e lo spirito critico. In questo filone si colloca, dunque, la sfida odierna tra un pianista “umano”, Roberto Prosseda, e il suo collega robot, TeoTronico, in grado di suonare il pianoforte con le sue 53 dita. Il robot, dotato di parola, metterà in discussione le interpretazioni a suo dire “troppo soggettive” dei musicisti umani, e argomenterà anche verbalmente sulle proprie scelte estetiche e interpretative. Un’occasione, dunque, per riflettere sul complesso rapporto tra riproduzione e interpretazione, tra fedeltà al testo e creatività. 

TeoTronico è un robot pianista, ideato e progettato da Matteo Suzzi e realizzato dalla Start-Up TeoTronica di Imola. La versione 1.0, dotata di 29 dita, è stata ultimata nel 2007. A partire dalla versione 3.0 (2012), TeoTronico è stato implementato con 53 dita azionate da elettromagneti pilotati dinamicamente, in grado di abbassare con varie gradazioni dinamiche i tasti di qualsiasi pianoforte acustico. Grazie ad una scheda a microcontrollore progettata ad hoc, può leggere partiture musicali in formato digitale o MIDI, suonandole al pianoforte con un’aderenza letterale. È anche in grado di riprodurre le incisioni su rullo (convertite in MIDI) dei grandi pianisti del passato. Dal 2017 TeoTronico è anche dotato di piedi per il controllo del pedale di risonanza del pianoforte.

Nel 2012, dopo averlo scoperto per caso su Youtube, il pianista Roberto Prosseda lo ha invitato a prendere parte alle sue conferenze-concerto sull’espressione musicale al pianoforte. Nel 2012 ha debuttato come solista alla Philharmonie di Berlino con i Berliner Symphoniker in uno speciale family concert sull’educazione all’ascolto. Ha anche suonato in simili contesti educational con l’Orchestra Sinfonica Siciliana e con la Baskent Orchestra di Ankara all’Ankara Music Festival, eseguendo il Concerto K 488 di Mozart. In recital, sfidando Roberto Prosseda, si è esibito al Teatro Pavarotti di Modena, al Teatro Metastasio di Prato, al Teatro Bibiena di Mantova, alla Xing Hai Concert Hall di Guangzhou, alla Beijing Concert Hall di Pechino, alla Symphony Hall di Shanghai, al Seongnam Arts Center di Seoul.

Nel febbraio 2015 ha debuttato come protagonista in teatro nello spettacolo “Ci Sarà Una Volta”, andato in scena al Teatro Comunale di Latina nell’ambito della Stagione “Teatro Ragazzi” 2014/15, con la regia di Clemente Pernarella, con la partecipazione di Roberto Prosseda e Valentina Lo Surdo.

Nel 2013 su Raitre è stato ospite di Stefano Bollani nella puntata inaugurale di “Sostiene Bollani”. La brasiliana Globo TV gli ha dedicato un reportage nell’ambito della trasmissione “Fantastico”. Il 30 gennaio 2016 è stato protagonista di una puntata del programma “It’s Not Rocket Science” trasmesso in prime time dall’emittente inglese iTV1. E inoltre apparso in programmi televisivi di Discovery Channel (Canada), Channel 5 (UK), KBS e SBS (Corea). Nel 2017 è stato invitato dalla TV cinese Hunan TV a duettare con la celebre soprano Zhang Ye, e dalla CCTV 1 per una sfida televisiva con Lang Lang. È stato anche il protagonista della World Robot Conference tenutasi a Pechino dal 23 al 27 agosto 2017.

È dedicatario di nuove composizioni scritte ad hoc per i suoi mezzi espressivi da parte di vari compositori, tra cui Nicola Campogrande, Stefano Ianne, Gabrio Taglietti e Michael Glenn Williams.

 

ARTISTI

Teo Tronico, pianista-robot

Roberto Prosseda, pianoforte

Durata: 70 minuti

distribuzione esclusiva a cura di AidaStudio

 

PROGRAMMA

Chopin:  Notturno op. 9 n. 2

Scarlatti: Sonata K 427

Mozart: Marcia Turca dalla Sonata  K 331

Chopin: Etude op. 25 n. 2

Chopin: Valzer op. 64 n. 1 “Minute-Waltz”Rimski-Korsakov / Rachmaninoff: Il volo del Calabrone (versione per TeoTronico di Alessio Manega)

Mozart  / Grieg: Sonata K 545 (primo movimento, versione per 2 pianoforti)

Scriabin: Notturno op. 9 n. 2 per mano sinistra

Milhaud: Scaramouche per due pianoforti